Pages

venerdì 27 febbraio 2009

Serengeti on the road!


Just a step away from heaven and in the immense spaces of your land ...
the landscape changes and the sunset is tinged with new colors ...
but music is always harmonically the same ...

In the deep silence of night, under the starry sky,
find the essence of my being ...

Ad un passo dal cielo e negli spazi immensi delle tue terre...
il paesaggio cambia e il tramonto si tinge di nuovi colori...
ma la musica è sempre, armonicamente la stessa...

Nel profondo silenzio della sera, sotto il cielo stellato,
ritrovo l'essenza del mio essere..


A un paso del cielo y en los inmensos espacios de tu tierra ...
el paisaje cambia y el atardecer se encuentra con nuevos colores ...
pero la música es siempre la misma armónica ...

En el profundo silencio de la noche, bajo del cielo estrellado,
encuentro la esencia de mi ser ...



The Serengeti National Park is one of the most important protected areas of Eastern Africa, as well as one of the main tourist attractions.It covers an area of 14,763 km ² and is located in northern Tanzania, between the border with Kenya and Lake Victoria.
It was declared World Heritage by UNESCO in 1981.

One million wild animals ... a brief but frantic quest for conquest of territory and its coupling, a long and exhausting march for the annual exodus to the north, when moving through water infested with crocodiles is a column that reaches 40 km length, and an explosion of births that reached the 8000 shares a day before they restart the pilgrimage of 1,000 km. It is estimated that each year 6 million hooves trample the prairie ...

The human presence in the Serengeti since ancient times is evidenced by paleontological discoveries of extraordinary importance, in these wonderful plains you can find the famous
Olduvai’s site, where were found the remains of Austalopithecus boisei, a ominide dating back to about 1 , 5 million years ago.

The Serengeti is famous for its exceptional wealth of wildlife, making it one of the most representative of the ecosystem of savannah Africa. There are, among others, the so-called "big five": elephant, lion, leopard, (black) rhino and buffalo.

The southern part of the park consists of vast arid grasslands, interrupted by hills of metamorphic rock, often surrounded by bushes and trees, and known locally as kopjes.
These small rocks are surfaced as a result of soil erosion from the surrounding weather.



Il Parco nazionale del Serengeti è una delle più importanti aree naturali protette dell'Africa Orientale, oltre che una delle principali attrazioni turistiche. Ha una superficie di 14.763 km², e si trova nel nord della Tanzania, tra il confine con il Kenya ed il lago Vittoria. È stato dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1981.

Un milione di animali selvatici… una breve, ma frenetica ricerca di conquista del territorio e relativo accoppiamento, una lunga ed estenuante marcia per l’annuale esodo a nord, quando a muoversi attraversando acque infestate da coccodrilli è una colonna che arriva a 40 km di lunghezza, infine una esplosione di nascite che raggiunge gli 8.000 parti al giorno, prima che ricominci il pellegrinaggio di 1.000 km. Si stima che ogni anno 6 milioni di zoccoli calpestano le sue praterie...

La presenza umana nell'area del Serengeti fin da tempi antichissimi è testimoniata da ritrovamenti paleontologici di straordinaria importanza; nella pianura del Serengeti si trova il celebre sito di dove sono stati trovati i resti dell' Austalopithecus boisei, un ominide risalente a circa 1,5 milioni di anni fa.

Il Serengeti è celebre soprattutto per la sua eccezionale ricchezza faunistica, che ne fa una delle regioni più rappresentative dell'ecosistema della savana subsahariana. Vi si trovano, tra l'altro, tutti e cinque i cosiddetti "
big five": elefante, leone, leopardo, rinoceronte (nero) e bufalo.

La parte meridionale del parco è costituita da vaste praterie aride, interrotte da collinette di roccia metamorfica spesso circondate da cespugli e alberi, e note localmente come kopjes.
Queste piccole formazioni rocciose sono affiorate in seguito all'erosione del terreno circostante da parte degli agenti atmosferici.




El Parque Nacional de Serengueti es uno de los más importantes áreas protegidas del Este Africa, así como una de las principales atracciones turísticas.
Abarca una superficie de 14.763 km ² y está situado en el norte de Tanzania, entre la frontera con Kenya y el Lago Victoria.
Fue declarado Patrimonio de la Humanidad por la UNESCO en 1981.

Un millón de animales salvajes ... una breve pero frenética búsqueda de la conquista de territorio y de su acoplamiento, una larga y
agotadora marcha por el éxodo anual hacia el norte, cuando se desplaza por el agua infestada de cocodrilos: una columna que llega a 40 kilometros longitud, y una explosión de nacimientos que llegan hasta a las 8.000 por día antes de que se reinicie la peregrinación de 1.000 km.
Se estima que cada año 6 millones de pezuñas pisotean la pradera ...

La presencia humana en el Serengeti desde tiempos inmemoriales se pone de manifiesto en los descubrimientos paleontológicos de extraordinaria importancia, en las llanuras de Serengeti se encuentra el famoso sitio de Olduvai, donde se aparecieron los restos de Austalopithecus boisei, un ominide que remonta a alrededor de 1 , 5 millones de años atrás.

El Serengeti es famoso por su excepcional riqueza de la fauna silvestre, por lo que es una de las más representativas del ecosistema de sabana de África. Existen, entre otros, los
"cinco grandes": elefante, leon, leopardo, rinocerontes (negro) y búfalo.

La parte sur del parque se compone de grandes pastizales áridos, interrumpido por cerros de rocas metamórficas, a menudo rodeados de arbustos y árboles, y conocido localmente como kopjes
Estas pequeñas piedras se aparecieron como resultado de la erosión del suelo de los alrededores del tiempo.


Un ghepardo che sbadiglia sul kopjes
28 july 1998

Here we are in the Serengeti Nat. Park for our last game drive, in fact with this last visit we close the visit of parks in this wounderful land, sigh ... but the emotions still: we could directly assist to a massive migration of gnu, moving toward Kenya ... a stunning scene, we are astonished by the sight of so many animals all together ... and I realize how human beings are powerless in front of "Mother Nature."

On the way we meet impala, gazelles and zebras ... at the beginning of this adventure we were so exited to watcht at the movement of any fellow with legs or wings,but then , with the passing of the days , we needed to see animals never seen before, for this reason the search became more spasmodic until a next new sight. This happens with the leopard: we ran after him until the day we found him on the high top of a tree! Or on the way back a lioness with her puppies intent to sleep! Well, every discover sight is a source of great satisfaction for the group and any occasion you are ready to capture the magic moment with cameras and all kind of zooms ... Yes, they are the protagonists of the moment! Who will win the award among us for the best picture?


28 Luglio 1998

Ed eccoci nel Parco Nazionale del Serengeti per il nostro ultimo game drive, di fatti si chiude qui il capitolo dedicato alla visita dei parchi, sigh! Ma le emozioni continuano: assistiamo in "diretta" ad una massiccia migrazione di gnu, si stanno spostando verso il Kenia ... uno spettacolo grandioso! Rimaniamo attoniti alla vista di così tanti animali tutti insieme e mi rendo conto di quanto noi esseri umani siamo impotenti di fronte a nostra "Madre Natura"!

Sul nostro cammino incontriamo impala, gazzelle e zebre ... all'inizio di questa avventura ci si entusiasmava per qualsiasi essere che si muoveva ed aveva o delle zampe o delle ali, ma poi con il passare dei giorni si spera di vederne di nuovi e la ricerca diventa sempre più spasmodica fino a quando non se ne avvista uno. Così è stato per il leopardo che dopo giorni riusciamo a scovare in alto sopra ad un albero e di cui si intravede la sagoma e le zampe a penzoloni, oppure sulla strada del ritorno una leonessa con i suoi cuccioli intenti a farsi la "pennichella" pomeridiana! Beh, ogni avvvistamento è motivo di grande soddisfazione per il gruppo e ad ogni occasione si è pronti ad immortalare il magico momento con macchine fotografiche e zoom di tutti i generi ... Si, sono loro i protagonisti del momento! Chi vincerà il premio per la migliore fotografia?

28 de julio de 1998

Aquí estamos en el Parque Nacional de Serengueti para nuestro último "game drive", entonces aquí termina el capítulo dedicado a la visita a los parques de esta linda tierra, sigh! Pero las emociones siguen: podemos ver en "vivo" a una migración masiva de gnu, se está desplazando hacia Kenia ... un gran espectáculo! Seguimos asombrados al ver tantos animales juntos y me doy cuenta de cómo los seres humanos son impotentes ante nuestra "Madre Naturaleza"!

En nuestro game-drive hemos encontrado impala, gacelas, cebras ... al empezar con el safari todos teniamos un entusiasmo a ver cualquier animal con piernas o alas, pues con el pasar de los días esperabamos ver animales nunca vistos antes y entonces la búsqueda era siempre mas espasmódica hasta una nueva descubierta! Así fue por el leopardo : después de algunos días lo podimos encontrar sobre la alta cima de un árbol , o en el camino de regreso una leona que con sus cachorros dormìa por la siestecita del medio dìa !Bueno, cada avvvistamento es una fuente de gran satisfacción para el grupo y cualquier ocasión es buens para colgar el momento mágico con cámaras y zoom de todo tipo ... Sí, son ellos los protagonistas del momento! ¿Quién va a ganar el premio por la mejor fotografía?


Our day is coming to an end ... we plant our tents in a campsite without any type of fence, behind and in front of us the wilderness, with no toilets, well it doesn't matter, who cares? There are shrubs such as bath ... Our guarantee only the armed rangers.
Dinner around a beautiful bonfire, our stocks are about to end! There are those who have had the wonderful idea of bringing with them "tequila", we cheers on our journey ... we prepare for the very wild night ... it makes a certain effect to sleep in the middle of the savannah, some have even a little fear, for certain noises that interrupt the silence of the night ... "

this space and this time I feel they are myne
as if I had always known and as if I had never left ...

Francesca - Muzungumalaika


La nostra giornata sta volgendo al termine ... piantiamo le nostre tende in un camping senza nessun tipo di recinzione, alle spalle e di fronte la natura selvaggia, senza servizi igienici, e va bene, che succederà mai? Ci sono i cespugli come bagno... unica nostra garanzia i rangers armati.
Si cena attorno ad un bel falò, è una settimana che mangiamo scatolette ed alimenti sottovuoto, le scorte stanno per finire! C'è chi ha avuto la magnifica idea di portarsi dietro la "tequila", stasera si brinda al nostro viaggio ... ci prepariamo per la nottata very wild...fa un certo effetto dormire nel bel mezzo della savana, qualcuno ha anche un pò paura, per i rumori ed i versi strani che interrompono il silenzio della notte..."

questo spazio e questo tempo lo sento mio,
come se l'avessi sempre conosciuto e come se non mi avesse mai abbandonato...

Francesca - Muzungumakaika


Nuestro día está llegando a su fin ... plantamos nuestras carpas en un camping sin ningún tipo de valla o proteccion, detrás y delante la naturaleza, nuestros baños los harbustos ... y nuestra unica garantía sólo los guardas armados.
Cena al rededor de una hermosa hoguera, es una semana que comemos alimentos enlatados y se estan acabando! Hay quien han tenido la maravillosa idea de traer la "tequila", brindamos a nuestro viaje! ... Nos preparamos para la noche muy salvaje ... hace un cierto efecto a dormir en medio de la sabana, alguien tiene un poco de miedo por el ruido que interrumpe el silencio de la noche ...

este espacio y este momento lo siento mio
como si siempre lo había conocido y como si nunca me había abandonado ...

Francesca
- Muzungumalaika


My dear Masai. Miei cari Masai.


My dear Masai:
you were forced to move from your lands, confined in small and poor areas, treated like animals to attract tourists ...

The Masai have the reputation to be valiant warriors and proud and noble bearings. They live in the grasslands of Kenya and Tanzania, they are approximately 350,000 semi-nomadic pastoralists, beef farmers as well: therefore their life is conditioned by the presence of water and pasture for animals. For these people the earth is sacred to the point that can not be profaned by cultivating or digging wells, and not even to bury their dead but rather prefer to abandon them as the mealfor the savannah animals ... The earth belongs only to God Enkai. For practical needs may be divided, but no individual can become a master.


Miei cari Masai:
vi hanno sfrattato dalle vostre terre, confinati in zone piccole e povere, trattati alla stregua degli animali per attrarre i turisti...

I Masai hanno la fama di valorosi guerrieri ed un portamento fiero e nobile. Vivono nelle praterie del Kenia e della Tanzania. Sono circa 350.000 pastori semi-nomadi, allevano soprattutto bovini, di conseguenza la loro vita è condizionata dalla presenza di acqua e pascoli per gli animali. Per questo popolo la terra è sacra al punto che non può essere profanata per coltivare o per scavare pozzi. E neppure per seppellire i loro defunti: preferiscono abbandonarli in pasto agli animali della savana... La terra appartiene esclusivamente al dio Enkai. Per esigenze pratiche può essere divisa, ma nessun individuo può diventarne padrone.

Queridos Masai:
han sido desalojados de sus tierras, confinados en áreas pequeñas y pobres, tratados como animales para atraer a los turistas …

Los Masai tienen la reputación de ser valientes guerreros, teniendo un orgulloso y noble portamiento. Ellos viven en las praderas de Kenia y Tanzania. Son aproximadamente 350.000 pastores seminómades, criadores de bovinos, por lo tanto, sus vidas se veen afectadas por la presencia de agua y pasto para los animales. Para estas personas la tierra es tan sagrada al punto de que no puede ser profanada por el cultivo o la excavación de pozos, no puede ser utilizada para enterrar a sus muertos: prefieren abandonarlos como comida a los animales de la sabana ... La tierra pertenece sólo al Dios Enkai. Por necesidades prácticas la tierra se puede dividir, pero ninguno puede ser dueño.


YESTERDAY:
Once those lands belonged to famous savannah’s pastors: during the nineteenth century the Masai warriors had conquered the best pastures in the region, submitting the other tribes. The decline of their hegemony began in 1890, with the spread of rinderpest, an infectious fever probably transmitted by European colonists, which decimated livestock causing a famine that followed a terrible epidemic of smallpox that killed thousands of people. To all this was added the expropriation of land by the Europeans ...

i bimbi sono sempre i più naturali

IERI:
Un tempo quelle terre appartenevano ai celebri pastori della savana: nel corso del XIX secolo i guerrieri Masai avevano conquistato i migliori pascoli della regione sottomettendo le altre tribù. Il declino della loro egemonia cominciò nel 1890, con la diffusione della peste bovina, una febbre infettiva forse veicolata dai colonizzatori europei, che decimò il bestiame provocando una carestia a cui seguì una terribile epidemia di vaiolo che uccise migliaia di persone. A tutto questo si aggiunse l'espropriazione delle terre da parte degli europei...

AYER:
Una vez esas tierras pertenecían a los famosos pastores de la sabana: en el curso del siglo XIX, los guerreros masai habian conquistado los mejores pastos de la región imponiendose a las otras tribus. El declive de la hegemonía masai se inició en 1890, con la propagación de la peste bovina, la fiebre infecciosa transmitida probablemente por colonos europeos, que diezmó el ganado provocando tambien una terrible epidemia de viruela que mató a miles de personas. Todo esto se añadió la expropiación de tierras por los europeos ...



TODAY:
the Masai are claiming the right to regain their ancestral territories, where once grazed their herds freely and where the spirits of their ancestors are resting. To assert this right, in Kenya they have not hesitated to use force, challenging the authorities and occupying areas that now belong to peasants of the ethnic Kikuyu (the Bantu group of the country): the violence has already caused some fifty deaths and more than four hundred wounded.
The Masai dissatisfaction is felt even in Tanzania. Here the problem is especially the difficult coexistence between pastoralists and national parks, established by the authorities to protect wildlife. The construction of touristics resorts and nature reserves has dramatically decreased the availability of pasture. The Masai, though not hunters and not feeding normally in game, are away from protected areas and, with the excuse of protecting the forests, they are denied access to the mountain pastures at the foot of Kilimanjaro.
Particularly painful was the affair of the Mkomazi Game Reserve in the north, where hundreds of Masai have been "transferred" by force in an area of dry land between the reserve and the Pare mountain. Here the lack of vegetation was soon devoured by animals, most of the cattle died and the Masai have lost their only source of livelihood. There is a widespread belief (among the former European colonists and the current African leaders) that animal rights come before Masai’s rights.

one of the many children in the village
OGGI:
i Masai rivendicano il diritto di riacquisire i loro territori ancestrali, dove un tempo pascolavano liberamente le loro mandrie e dove riposano gli spiriti dei loro antenati.Per far valere questo diritto, in Kenya non hanno esitato ad usare la forza, sfidando le autorità e occupando i campi che ora appartengono ai contadini dell'etnia kikuyu (il principale gruppo bantu del paese): le violenze hanno già provocato una cinquantina di morti e più di quattrocento feriti. Anche in Tanzania il malumore dei Masai si fa sentire. Qui il problema è rappresentato soprattutto dalla difficile convivenza tra i pastori e i parchi nazionali istituiti dalle autorità per proteggere la fauna. La costruzione di villaggi turistici e riserve naturali ha drasticamente fatto diminuire i pascoli disponibili. I Masai, pur non essendo cacciatori e non cibandosi abitualmente di selvaggina, vengono allontanati dalle aree protette e, con la scusa di tutelare il patrimonio forestale, viene loro vietato l'accesso ai pascoli di montagna alle pendici del Kilimangiaro. Particolarmente dolorosa è stata la vicenda della Mkomazi Game Reserve, nel nord del paese, per la quale centinaia di Masai sono stati "trasferiti" con la forza in un territorio di terra arida tra la riserva e il monte Pare. Qui la scarsa vegetazione è stata presto divorata dagli animali, gran parte del bestiame è morto e i Masai hanno perduto la loro unica fonte di sostentamento. C'è la convinzione diffusa (tra gli ex coloni europei e gli attuali governanti africani) che prima vengono i diritti degli animali e poi quelli dei Masai.

mis fotos personales en el pueblo visitado

HOY:

los Masai están reclamando el derecho a recuperar sus territorios ancestrales, donde una vez libremente pastoreaban sus rebaños y donde los espiritus de sus antepasados descansan. Al fin de respectar este derecho, en Kenia no han dudado en utilizar la fuerza, desafiando a las autoridades y ocupando zonas que ahora pertenecen a los campesinos de la etnia Kikuyu (el grupo bantú del país): la violencia ha causado ya unos cincuenta muertos y más de cuatrocientos heridos. En Tanzania tambien el mal humor de los masai es muy claro. Aquí el problema es la difícil cohabitación y coexistencia entre los pastores y los parques nacionales establecidos por las autoridades para proteger la fauna. La construcción de complejos turísticos y reservas naturales ha reducido radicalmente la pastura disponible. Los masai, aunque no sean cazadores y no estan acostumbrados a comer juego, están lejos de las áreas protegidas y, con la excusa de la protección de los bosques, se les niega el acceso a los pastos de montaña al pie del Kilimanjaro. Muy doloroso fue el asunto de la Reserva de Caza Mkomazi en el norte, donde cientos de masai fueron "trasladado" por la fuerza en una zona de tierras áridas entre la reserva y un monte llamado Pare. Aquí la baja vegetación fue pronto devorada por los animales, gran parte del ganado muerto, perdiendo los masai sus proprias fuentes de sustento. Hay una creencia generalizada (entre los ex colonizadores europeos y los actuales dirigentes africanos), que antes llegan los “derechos” de los animales y luego aquellos de los Masai.


CURIOSITY ON HABITS AND USES:

Among the Masai polygamy has no limits: men can have all the wives they want, provided that they have enough cattle to “buy” them from the original families. Girls between nine and thirteen years are allowed to have sex before marriage, although usually the fathers negotiate the marriage even before their birth. Traditionally they can have up to three lovers simultaneously. The same freedom is granted to the young warriors called "Morani". Both boys and girls are subjected to genital mutilation initiatory.

To become a Morani is not enough to be circumcised: there is a preceding period in which young boys are taken out of the village(manyatta) by the olders. During this time they learn the moral qualities, the pride that must be felt in the depths of the heart and all kind of traditions: they will know the basics of hunting and how to defend theirself against attack; they learn the use of the spear and the kissu, the knife bilama, that each Samburu must have on the belt. When the young boy comes back to the manyatta from this training period the mother welcome him with a black goatskin as a gift, oiled by grease and coal, that he will wear until the day of the rite of circumcision. In the days preceding the ceremony, the Morani psychologically support the young and future warrior so much, that he will be, in that fateful moment, almost in trance. Propitiatory improvisation with songs and dances, until dawn, creates an atmosphere of passion and emotional involvement.

The girls are initially introduced to their first menstruation and leave their worriors lovers to marry men who have usually twice of their age. The men, however, marry after thirty years: they have to accumulate the wealth to get married. When a Masai girl leaves her house to join the one of the future husband, she will be blessed by her father, who spits a mouthful of milk under her collar and warns not to look back, otherwise she can become a stone. Upon the property of her husband, the young woman is received by her new family, who welcome throwing cow dung and insulting her, usually for stature, which is a point of pride for the Masai. This is a ritual that aims to test young brides in the face of adversity in life. The males of this tribe are organized into rigid age groups: children, elders and warriors. Masai huts, like the shape of an igloo, are made with branches and leaves, covered with the dung of cattle. From cows derive every day nourishment: milk and blood.


CURIOSITA' SUGLI USI E COSTUMI:

Tra i Masai la poligamia non ha limiti: gli uomini possono avere quante mogli desiderano, purché dispongano di bovini a sufficienza per acquistarle dalle famiglie di origine. Alle ragazze tra i nove e tredici anni è permesso avere rapporti sessuali prima di sposarsi, anche se solitamente i padri negoziano il matrimonio ancora prima della loro nascita. Per tradizione esse possono avere fino a tre amanti contemporaneamente.
La stessa libertà viene concessa ai "morani", i giovani guerrieri. Sia i ragazzi che le ragazze sono sottoposti a mutilazioni sessuali iniziatiche.

Per diventare un morani non basta la circoncisione, ma vi è un periodo precedente i cui giovani vengono presi dagli anziani e portati fuori dal villaggio (manyatta). In questo periodo apprendono le qualità morali, l'orgoglio che bisogna sentire nel profondo dell'animo e tutte le tradizioni; si conoscono i rudimenti della caccia e come ci si difende da eventuali attacchi, si impara l'uso della lancia e del kissu, il coltello bilama, che ogni"samburu" deve avere alla cintura. Al ritorno nella manyatta la madre lo accoglierà con il dono di una veste nera di pelle di capra, unta con grasso e carbone, che il ragazzo porterà fino al rito della circoncisione. Nei giorni che precedono il rito, i guerrieri morani sostengono psicologicamente il giovane, motivandolo a tal punto che in quel fatidico momento lui sia quasi in trance. Si improvvisano canti e danze propiziatorie, fino all'alba, creando un'atmosfera di grande passione e coinvolgimento emotivo.

Le ragazze sono inizialmente iniziate alla prima mestruazione e lasciano i loro guerriglieri per sposare uomini che hanno di solito il doppio della loro età. Gli uomini, invece, si sposano dopo i trent'anni, perché devono accumulare la ricchezza per contrarre il matrimonio. Quando una ragazza Masai lascia la sua casa materna per quella dello sposo, è benedetta dal padre, il quale sputa un sorso di latte sotto il suo collare e l'avverte di non guardare indietro, altrimenti diventerà pietra. All'entrata della proprietà del marito, la giovane donna viene ricevuta dalle sue nuove parenti, che la accoglieranno tirandole dello sterco di vacca e insultandola, in genere per la statura, che è un punto di orgoglio per i Masai. Questo è un rituale che punta a mettere alla prova le giovani spose di fronte alle avversità della vita. I maschi di questa tribù sono organizzati in rigide classi di età: ragazzi, guerrieri e anziani. Le capanne a forma di igloo, sono fatte con rami e foglie, ricoperte con lo sterco del bestiame. Dalle vacche i pastori ricavano il nutrimento di ogni giorno: latte e sangue.

joven mujer Masai casada desde poco tiempo

CURIOSIDAD "DE TRAJES Y USOS:

Entre los masai la poligamia no tiene límites: los hombres pueden tener todas las esposas que desean, a condición de que tengan suficiente ganado para comprarlas de sus familias de origen. A las niñas entre nueve y trece años se le permite tener relaciones sexuales antes del matrimonio, aunque por lo general los padres negociaran el matrimonio mucho más antes del nacimiento. Tradicionalmente se puede disponer hasta tres amantes simultáneamente.
La misma libertad se concede a los "Morani", los jóvenes guerreros. Tanto los niños que las niñas son sometidos a la mutilación genital iniciática.

Para ser un Morani no sólo la circuncisión es necesaria, sino tambien hay un período anterior para que los jóvenes se alejan (y viven afuera) de la aldea (manyatta) acompanados por las personas mayores. Es durante este período de tiempo que aprenden las cualidades morales, el orgullo que deben sentir en la profundidad del alma y todas formas de tradiciones. Se acercan a los fundamentos de la caza y como defenderse contra el ataque, empiezan a utilizar la lanza y el kissu, el cuchillo bilama, que cada SAMBURU debe tener en el cinturón. Cuando el joven regresa a la manyatta la madre le da el bienvenido hacendole un regalo: un traje negro de piel de cabra, unto con grasa y carbón vegetal, lo trará hasta el rito de la circuncisión. En los días anteriores a la ceremonia, los guerreros Morani apoyan psicológicamente al futuro guerrero, dandole asì tanta fuerza interior que casi el se cairà en trance. Se improvisaran canciones y bailes, hasta al amanecer, creando una atmósfera de pasión y de implicación emocional.

Las niñas despues de la circuncisión dejan a sus guerrilleros por casarse con hombres que tienen generalmente el doble de sus años.
Los hombres, sin embargo, se casan después de los treinta años ya que tienen que acumular la riqueza necesaria por el contracto de matrimonio. Cuando una niña Masai deja a su casa para la de la madre del novio, es bendecida por su padre, que escupe un bocado de leche bajo su cuello, y la advierte de no mirar hacia atrás, de lo contrario se transformerà en piedra. A la propiedad de su marido, la joven es recibida por las mujeres de la nueva familia, que le dan la bienvenida tirandole el estiércol de vaca y insultandola, por lo general para la estatura, que es un punto de orgullo para el pueblo Masai. Este es un ritual que quiere poner a la prueba a las novias jóvenes frente a la adversidad de la vida. Los hombres de esta tribu se organizan en bien distinctos grupos de edad: niños, guerreros y ancianos. Las cabañas en forma de iglú, se hacen con ramas y hojas, cubiertas con el estiércol de ganado. De las vacas los pastores obtienen alimento cotidiano: la leche y la sangre.

un giovane guerriero Masai

A MASAI WOMAN ON MY WAY

Today I feel sad, so sad, because during our game drive to the Serengeti National Park we had planned to make a stop on a Masai village. At first we were all excited but then, at the end of the day, I realized that the village had been brought there to make happy and split the "muzungu of the turn."
Yes, ok, all very beautiful, the village leader who welcomes you, the kids who are approaching, the women "posing" while doing their crafts, the visit in their huts, with the pot on the fire to show that the food is almost ready; their dance group for the muzungu departure!

I am very angry because the Masai were “uproot” from their original lands and the sad thing is that they got themselves involved in this game, who knows for what kind of promise!
You Leaders who have got the power on everything and try to remove and take away people’s pride! We usually talk about the Arab-Israeli conflict, but the other conflicts, in Africa or elsewhere in the world? ... it is reported too little! Perhaps because there are "less" casualties? As if one death is not worth the face of one million! "
On the way back from the visit ...I move away thinking... some miles later ...
" Hey, stop Minja! Let’s Immortalize this precious moment with a photo ... Here dhe is! My Masai woman who goes to her village with the son on her shoulder! She is really NATURAL, far from the tourist, absorbed in her thoughts and at the mean time scared on how she will procure food for her and her child ...
as long as the flock has enough grass to graze, she will have more milk for the day !...".
Thanks, Masai woman, and let me tell you sorry if I have stolen your natural movement, captured by a picture, I will always bring you in my heart!
I am sad, really sad!

Francesca - Muzungumalaika

my experience in the Masai village

UNA MASAI SUL MIO TRAGITTO:

Oggi mi sento triste, tanto triste perchè durante il nostro percorso verso il Serengeti National Park gli autisti si sono fermati ad un villaggio Masai. All'inizio eravamo tutti entusiasti ma poi ripensandoci, alla fine della giornata, mi sono resa conto che quel villaggio di Masai era stato portato lì apposta per far fesso e contento il "muzungu di turno". Si, ok, tutto molto bello: il capo villaggio che ti accoglie, i bimbi che si avvicinano, le donne "in posa" mentre fanno i loro lavoretti a mano, la visita dentro le loro case, con la pentola sul fuoco per far vedere che è quasi pronto da mangiare ed il congedo ai muzungu con il loro balletto di gruppo!


Sono molto arrabbiata perché questi Masai sono stati "snaturalizzati" e la cosa triste è che loro si sono lasciati coinvolgere in questo giochetto, chissà cosa gli avranno promesso!!!!
Voi governanti che avete potere su tutto e togliete e cercate di togliere l'amor proprio ad un popolo! Si parla, giustamente, del conflitto arabo-israeliano, ma di questo conflitto, come anche di altri in Africa o altrove?... Se ne parla troppo poco! Forse perché ci sono "meno" perdite umane? Come se un morto non valesse di fronte ad un milione!"

Risaliti sulle jeeps mi estraneo....facciamo un bel pò di chilometri...."Ehi, fermati Minja! ALT! Immortaliamo questo prezioso momento con una foto...Eccola la mia Masai che si reca al suo villaggio con il figlio in spalla, lei sì che è vera, lontana dagli occhi dei turisti, poverini, curiosi ma allo stesso tempo innocenti , assorta nei suoi pensieri...di come oggi le sarà procurato da mangiare a lei e al suo bambino...forse riuscirà a far pascolare il suo gregge di modo che ci sia più latte...sempre che il gregge abbia abbastanza erba da brucare!...". Grazie, donna Masai e scusa se ti ho rubato quest'attimo, catturandolo in una foto, ti porterò sempre nel cuore! Sono triste, veramente triste!

Francesca
- Muzungumalaika


mi visita en un pueblo Masai



UNA MASAI EN MI CAMINO


Al Parque Nacional del Serengueti nos paramos por la visita a un pueblo Masai.En un primer momento estábamos todos emocionados, pero luego al final del día, me di cuenta de que el pueblo Masai estaba allà para complacer al "muzungu de turno."

Sí, verdad, todo muy bonito, el líder del pueblo que te da la bienvenida, los niños que se acercan, las mujeres "posando" mientras que hacen sus trabajos a mano, la visita en las cabañas, con la olla bien caliente para demostrar que la comida està casi lista, la despedida con las danzas Masai tradicionales! Me siento muy enfadada porque los Masai fueron "desnaturalizados" y cosa màs triste es que se han dejado en parte corromper en este juego habriendo las portas (en manera poco espontanea) de sus propias aldeas a la vista del turista curioso, se parece estar frente a uno espectaculo teatral con actores que interpretan una parte ! Todo esto gracias a los gobiernos de Tanzania y Kenya que utilizan al poder tratando de quitar y eliminar las cosas mas lindas que un pueblo tiene adentro o sea el orgullo de sus propias raices y costumbres! Se habla, con razón, del conflicto árabe-israelíano, pero de este conflicto entre los Masai y las autoridades (así como otros en África o en cualquier otro lugar) se habla demasiado poco! ¿Quien sabe … puede ser que hay "menos" pérdidas de vidas humanas? Como si un muerto no vale tanto frente a un millón!" Seguimos por nuestro camino … pienso y me extraño ... después de unos pocos kilómetros pido al autista de pararse" Hey, esperate Minja! Inmortalizamos este precioso momento con una foto! Mira una mujer Masai que carga atras a su hijo y se va a su aldea, lejos a los ojos de los turistas,absorbida en sus pensamientos de como obtener la comida del dìa, pastar su rebaño de modo que haya más leche ... siempre y cuando la manada tiene suficiente pasto para el pastoreo !...". Gracias, mujer Masai y disculpame si te robé este momento, capturandolo en una foto, que siempre llevaré en mi corazón! Estoy triste, muy triste!

Francesca – Muzungumalaika

the real Masai woman, la vera donna Masai, la verdadera mujer Masai





mercoledì 25 febbraio 2009

Lo attraversiamo o no? Cross it or not ? Lo cruzamos?



L'Arusha National Park prende il nome dal popolo Warusha che vive nelle sue vicinanze. E' il più piccolo tra tutti i parchi del Nord della Tanzania (139 kmq). Al suo interno è presente il monte Meru, la seconda montagna più alta del paese (4.566 metri sopra il livello del mare), il cratere di Ngurdoto ed i laghi Mamela che fanno da sostegno permanente alla fauna selvatica ed è luogo di spostamenti migratori nei cambi di stagione.


Questa qui sotto sono io... 24 luglio 1998: il parco in parte lo abbiamo visitato a piedi, accompagnati da un ranger. La passeggiata è piacevole, sul nostro cammino incontriamo giraffe, gnu e bufali, il sentiero scelto è quello che passa sopra una piccola cascata. Una sosta per il pranzo al sacco e ripartiamo per il nostro game-drive: avvistiamo ippopotami, babbuini e dik-dik, la flora attorno è molto rigogliosa. Ad un certo punto siamo costretti a fermarci in quanto l'unica strada che porta al cratere di Ngurdoto è allagata. Minja (l'autista) non ha nessuna intenzione di passare perchè ha paura di rimanere impantanato. Andrea inizia a gettare sassi per verificare la reale profondità dell'acqua...Qui si pone il dilemma: giunti fino a qui che facciamo? Torniamo indietro o rischiamo?
"Hakuna Matata! Ora ci penso io!" Reazione mista a stupore e divertimento da parte dei miei compagni quando inizio ad immergermi fino alle ginocchia per verificare se possiamo passare... il viaggio continua!!!!!!!!


martedì 24 febbraio 2009

God is Blessing You ... peace!



Questo spazio lo dedico al mio fratello nigeriano Blessing, quotidianamente impegnato attraverso i suoi pensieri, le sue poesie ed i suoi libri a dare un contributo concreto alla sua ed alla nostra Africa, in nome dell'amicizia e la cooperazione tra i popoli attraverso l'interscambio culturale.
Thank you! ...Francesca




Invece io ti condanno

Condanno te cittadino o straniero
che sfregia barbaramente il fiore
appena sbocciato nel giardino altrui

Condanno te bestia familiare
che non si ferma nemmeno davanti
alla vocina che dice papà, zio, marito....

“Non giudicare per non essere giudicato..”
Invece me ne frego e ti giudico e poi...

Condanno te presunto uomo di Dio
che nella sacralità del suo altare
stupra gli angeli a te affidati

Condanno te avido sfruttatore
che ti arricchisci dalla tratta umana
dalla rovina delle anime indifese

Condanno te perfido bastardo
che vedi e senti senza parlare
complice infame del mondo meschino!

Blessing Sunday Osuchukwu



video

sabato 21 febbraio 2009

Il Baobab


"Il Parco del Tarangire è un altro magnifico parco e prende il nome dal fiume che lo attraversa, soprattutto durante la stagione secca il parco ospita numerosi animali: zebre, gnu, alcelafi, kudu minori, dik-dik, numerose specie di gazzelle, bufali, giraffe, felini quali ghepardi e leoni" ed é tra i parchi della Tanzania quello con la maggiore concentrazione di baobab".

"Il nome "baobab" verrebbe, secondo alcune fonti, dal senegalese , "albero di mille anni" (riferito alla leggendaria longevità della piante); secondo altri, sarebbe di derivazione araba, e significherebbe "frutto dai molti grani".
Il nome scientifico è un omaggio a Michel Adanson
, il naturalista ed esploratore francese che descrisse il baobab africano (Adansonia digitata). E' un albero caducifoglio con un grande tronco che può raggiungere anche un'altezza di 25 m (eccezionalmente 30 m) mentre il suo diametro può arrivare fino ai 7 m (eccezionalmente 11 m). E' famoso per la sua capacità d'immagazzinamento d'acqua riuscendo a contenerne fino 120.000 litri per resistere alle dure condizioni di siccità di alcune regioni. I rami, disposti a raggiera alla sommità dei tronchi, spogli durante la stagione secca si riempiono, per pochi mesi all'anno, di foglie composte palmate. Nell'epoca, temporalmente molto limitata, della fioritura esibiscono grandi fiori molto odorosi, che si schiudono la notte. I suoi frutti sono ovoidali con un pericarpo commestibile e un grosso seme reniforme. Le foglie sono usate come vegetale commestibile in tutte le aree di distribuzione del continente africano e sono mangiate sia fresche che sotto forma di polvere secca. In Nigeria, le foglie (kuka) vengono usate per produrre la zuppa di kuka. La polpa secca del frutto, dopo la separazione tra i semi e le fibre, viene direttamente mangiata o mescolata nel porridge o nel latte. I semi vengono utilizzati principalmente come addensante per le zuppe, ma possono anche essere fermentati in condimenti, arrostiti, per un consumo diretto, o tritati per estrarre olio vegetale. L'albero è anche una fonte di fibre, tinture e carburante. In Australia il baobab era usato dagli aborigeni come fonte di acqua e cibo, mentre le foglie erano utilizzate per scopi medici. I frutti venivano scolpiti e dipinti, per poi essere usati come ornamenti. Un baobab molto grande e vuoto a sud di Derby, nell'Australia Occidentale, fu usato negli anni '90 come camera di sicurezza per i prigionieri aborigeni diretti a Derby per la loro sentenza; questo "albero-prigione" esiste ancora ed è una meta turistica".

Il baobab è l'albero nazionale del Madagascar.
Lo sapevate che nel "Re Leone" il protagonista, Rafiki, ha la sua casa dentro un albero di baobab ? E che nel libro di Antoine de
Saint-Exupéry, "Il Piccolo Principe" è molto preoccupato perché il suo baobab crescendo gli occuperebbe gran parte del suo piccolo asteroide?

... oggi 25 luglio 1998 io ed il mio gruppo sostiamo per il nostro game-drive all'interno del Tarangire National Park, non avvistiamo tanti animali, solo elefanti e giraffe, dei leoni non c'è traccia, forse perché l'erba è troppo alta.
Insieme ai miei compagni facciamo sosta al view-point, il pranzo ci aspetta, qui per fortuna non ci sono ristoranti, ci mancherebbe! Il nostro stomaco è rimpinguato da gustosissime scatolette (saggiamente portate dall'Italia). Seduti all'ombra del grande baobab, mi estraneo e rifletto...il panorama è bellissimo da qui, ma ancora di più la sosta sotto questo baobab, lo osservo, ha una luce particolare, argentea...ed emana saggezza. In me
un profondo senso di pace, chissà quanti esseri umani sono passati da qui e quante cose ha visto, questo grandissimo albero, è protettivo e mi sento completamente a mio agio. I suoi rami sono spogli, ma muovendosi con il vento sono musica insieme ad il canto di numerose specie di uccelli che vi si posano per il consueto spuntino. Scopro solo ora che il baobab mi potrebbe insegnare tante cose, e che da adesso in poi lo porterò nel cuore...Africa, I'm calling you, cant'you hear me...



Ripartiamo con le jeeps per raggiungere il luogo dove pianteremo le nostre tende, ed una delle jeep si impantana

ma Minja e Goffrey, i nostri autisti, riescono a risolvere il problema...cena al sacco e poi tutti in discoteca, anzi, quasi mi meraviglio che ce ne sia una! L'accoglienza è al suono delle Spice-Girls, ma alla mia richiesta di ascoltare musica tipicamente africana l'atmosfera cambia completamente, ora sì, va molto meglio!










giovedì 19 febbraio 2009

Jambo Muzungu, Hakuna Matata!

"Jambo, Muzungu!" you give me your welcome in this way, with a smile that show me your white teeth (unfortunately we both know that you don’t drink all this milk) with that small window because you dropped a tooth, the hands and feet dirty, going barefoot and follow your mother to the single water well within a radius of ten kilometers, where she can make the day provision ...barefoot to play more freely, anyway you don’t have shoes...
"Yes yes, little baby, now I take off my shoes too, so that we can play football with the tin of coca-cola that few days ago a “muzungu” gave you … you know? When I want, I can be a" tomboy". Dear
can I embrace and tell you in my “muzungu” italian language (for you incomprehensible) that I would like to give you all my heart and my humble friendship ...? Look what I have for you: some sweets, markers and notebooks so that you can go to your little friends and shout for joy ... and your friends will run to me because they want the same things ... quite, quite there are enough gifts for everyone here! Little Treasure, I must go now, I am not alone, I'm with my white friends and my journey continues ...”.
On your face a melancholy smile because of my departure, in your craped curly hair, burned and dried by the sun, some flies that try to find some shade and cool ... yes it is quite hot here!
"Don’t worry, sweet friend of mine, very soon other tourists will come and you will receive even more beautiful gifts ... such as a real ball to play with, even if I am almost sure that after a bit you are going to give up with it and come back to play with the coloured coca-cola tin that sparkles on the sun and does much noise and does not break, while in the civilized country that simple and beautiful ball can be broken with a little stone ... I will come back, my dear little friend, but for that day I want to be able to communicate with you in your beautiful swahili language ... and let "you" understand that I know that you are mockering me, and I will moker myself too! Little friend, let's dedicate our kind dialogue to those "white speculators" that instead of helping you have dragged you all into an abyss ... but your smile is always there and nobody will steal the dignity through which you face your every day poverty. In the "civilized world" we have so many things, but the prosperity has taken off from our faces the very simple smile, often we are not able to appreciate the details and the simplicity ... I know that when I will come back here I will be the happiest in this world! You will lead me in your very "basic" mud hut, much more comfortable than our "civilized" houses, that quite often are furnished without personality ... you will offer me your hot meal, I will accept it and to show you my appreciation I will eat with hands, exactly like you, in among the cockroaches and mosquitoes, but who cares? If I take the malaria, here there will be African doctors who will take care of my illness... And under the pretext of my healing I will remain here with you few months more! Little treasure: I want to understand your world, far from the stress of urban and hectic life ... while here everything is going slowly, sometimes this slowness makes me annoy! In my case I run after my spare time but I can't take advantage on it because it disappears in a very short moment ... while you ... facing the biggest problem, react sitting at the foot of the secular baobab and reply with "Hakuna Matata" "No Problem" and after four days maybe I will find you already there, with the same smile with which I left you, still waiting for the solution to come... And this is the song that you teach to foreigners : "Jambo, Jambo Bwana, Habári Ghani, Mzuri Sana .... Hakuna Matata" so that "muzungu tourists" will rush to learn it as soon as possible because it is only in this way that they can feel part of you Africans ... as if a picture with the background of a giraffe and a song in Swahili can be enough to feel part of your world and all lived happily ever after !
In my case I like to sing with you but not "you African" and "I Muzungu" but "we Africans ..."! Because you know my little Masai, I really don't feel a Muzungu, and when I will come back one day I will try to explain you... while caressing you
r craped curly hair, burned and dried by the sun
... I'm sure you will finally comprehend!

Francesca - Muzungumalaika



"Jambo, Muzungu!": mi accogli così, con quel sorriso che fa intravedere i tuoi denti bianchissimi (eppure tutto questo latte, ahimè non lo bevi!) ed una finestrella perché ti è caduto un dente, le manine ed i piedini sporchi per l'andare scalzo e seguire la mamma all'unico pozzo di acqua nel raggio di dieci chilometri, dove potrà fare provvista di acqua per la giornata...oppure per poter giocare più liberamente, tanto le scarpe non le hai... "Si,si, piccolo, ora me le levo anche io le scarpe, così giochiamo a pallone con la lattina della coca-cola che ti ha regalato un muzungu: sai? Quando mi va di esserlo, sono un "maschiaccio". Ti posso abbracciare piccolino e dirti nella mia lingua (per te incomprensibile) che ti vorrei dare tutta me stessa e vorrei poterti essere amica...? Ma per il momento sono solo una muzungu anzi, a tale proposito, ho qui delle caramelle per te, dei pennarelli ed un quaderno così potrai andare dai tuoi amichetti e griderai dalla gioia... ed i tuoi amichetti mi raggiungeranno perché vorranno la stessa cosa... calma, calma che anche per voi ci sono dei regalini! Tesorino, devo andare, non sto da sola, sto con i miei amici bianchi ed il mio viaggio continua"...
Sul tuo viso un sorriso malinconico perché sto partendo e sui tuoi capelli un pugno di mosche che cercano di trovare un pò di ombra e refrigerio, tra i tuoi riccioli crespi, bruciati e seccati dal sole... con questo caldo!
"Ma dopo me arriveranno altri turisti e forse riuscirai a ricevere regali più belli...magari una palla vera con cui giocare, tanto lo so che dopo un pò la lascerai per riappropiarti della tua colorata lattina che con il sole luccica di più e fa tanto rumore e non si rompe, invece quella del paese civilizzato si buca con un semplice sasso...ritornerò, piccolino, ma vorrò poter comunicare con te nella tua bellissima lingua...e "farti" capire che un pò mi stai prendendo in giro ed anche io potrò "prendermi" in giro nella tua lingua, già! Alla faccia degli speculatori bianchi che invece di aiutarti ti hanno trascinato in un baratro.. il tuo sorriso è sempre lì e nessuno ti toglierà la dignità con cui affronti la miseria quotidianamente, noi civilizzati abbiamo tante cose, ma la ricchezza ci ha tolto il sorriso e non ci fa apprezzare i dettagli e la semplicità... lo so che mi aspetterai e quando tornerò sarò l'essere più felice di questo mondo, così mi condurrai nella tua capanna di fango "basic" ma sempre più accogliente di quelle case nostre arredate senza personalità... e mi offrirai il tuo unico pasto caldo, io lo accetterò e per dimostrarti che lo apprezzo mangerò con le mani, proprio come te, in mezzo agli scarafaggi e alle zanzare, ma chi se ne importa se mi prendo la malaria, chi meglio dei dottori africani potrà guarirmi? ...E con la scusa di aspettare la guarigione rimango un pò di mesi qui con te!!! Io voglio capire il tuo mondo incontaminato dallo stress di una vita urbanizzata e frenetica... invece da voi tutto va a rilento, spesso questa lentezza mi fa venire i nervi, figurati..! Io che rincorro il tempo libero e prima di afferrarlo è già sparito...ed invece voi... di fronte al più grande problema, vi sedete ai piedi del secolare baobab e rispondete con "Hakuna Matata" "Nessun Problema" e dopo quattro giorni magari vi ritrovo lì con lo stesso sorriso con cui vi ho lasciato ad aspettare ancora che la soluzione arrivi... Ed è questa la canzoncina che vi imparano: "Jambo, Jambo Bwana, Habari Ghani, mzuri sana....Hakuna Matata" così quando arriva il muzungu gliela cantate e lui si affretterà ad impararla al più presto perchè è solo così che si potrà sentire parte di voi...come se bastasse una foto con lo sfondo di una giraffa e la canzoncina in swahili... e tutti vissero felici e contenti....quanto mi piacerebbe cantarla insieme a voi ma non "voi africani" ed "io muzungu" ma "noi africani... "! Perchè mi dispiace per te, mio piccolo masai, ma io muzungu proprio non mi ci sento, ritornerò un giorno e cercherò di spiegartelo... carezzandoti i riccioli crespi, bruciati e seccati dal sole... quei riccioli che ospitano il solito pugno di mosche...ti credo con questo caldo!... sono certa che capirai!

Francesca - Muzungumalaika



"Jambo, Muzungu!" Te acercas a mí, con aquellos dientes blancos (sin embargo, toda esta leche, por desgracia, no la bebes!) y una pequeña ventana , ya que se te cayó un diente, las manos y los pies sucios, descalzo sigues a tu mamá al pozo de agua, él que está más cerca se encuentra dentro de un radio de diez kilómetros, donde se puede hacer la provisión para el día ... descalzo para jugar más libremente, pues que no tienes un par de zapatos ...
"Sí, sí, esperate niño lindo, ahora yo también me quito los zapatos, dale que jugamos a la pelota juntos con la lata de Coca-Cola que te dio un “muzungu” pasada semana: sabes que cuando quiero, soy una niña trabieza? Puedo abrazarte y decirte en mi propio idioma (por ti desconocido) que te quiero con toda mi alma y que me gustarìa ser tu amiga ...? Aquì tengo unos dulces, marcadores y cuadernos para que puedas ir de tus amigos y gritar de alegría ... y tus amigos me buscaran porque quisieran las mismas cosas ... un momentico por favor que hay para todos! Mi vida escuchame bien, ahora tengo que irme, estoy con mis amigos "blancos" y mi viaje continúa ... ".
En tu cara una sonrisa melancolíca porque me voy, sobre tu pelo encaracolado, seco y quemado por el sol, un puñado de moscas que tratan de encontrar algo de sombra y fresco ... claro! Con este calor!
"Pero después de mí vendrán otros turistas y, quizás, podrás recibir regalos aún más hermosos ... una verdadera pelota para jugar, tanto yo estoy segura que después de un un rato buscaras nuevamente la lata de Coca Cola que reluce con el sol y hace màs ruido y no se rompe, mientras que en los países civilizados aquella misma pelota se pincha con una simple piedra ... Regresarè, amiguito del alma, pero quisiera comunicarme contigo en tu lindisimo idioma ... y hacerte comprender que te estas burlando de mì y yo tambien me burlarè de mi misma en tu idioma! Este dialogo entre nosotros lo dedicamos a los "especuladores blancos" que en lugar de ayudarte te hicieron arrastrar en el abismo ... y tu al pesar de esto, te quedas asì, con aquella sonrisa sin que nadie te quite la dignidad con la cual tu mismo enfrentas a diario tu pobreza! Nosotros, "los paises civilizados" tenemos tantas cosas, pero la riqueza de una sonrisa casi està olvidada en un rincòn y nosotros no siempre apreciamos los detalles y la simplicidad ... Yo sé que me esperaras y al regresar aquì seré la mujer más feliz en este mundo. Me trairas en tu choza de barro, más agradable que las casas de los paises desarrollados, amuebladas sin personalidad ... y me brindaras tu única comida caliente, y yo aceptandola te demostraré que la aprecio, comiendola con las manos, al igual que tu, entre las cucarachas y los mosquitos, pero a mì no me importa si me enfermo de malaria, aquì hay los mejores médicos Africanos que pueden cuidarme ... y con el pretesto de que tengo que curarme me quedarè aquì contigo por algunos meses! Quiero entender tu mundo que no conoce el estrés de la vida urbana y frenética ... mientras que aquì todo va mas despacio, a veces esta lentitud me pone nerviosa, imaginate tu! Yo que busco el tiempo libre y antes de cogerlo ya se ha ido! Y tú ... en lugar de enfrentar el problema más grande, te sientas a los pies del grande y savio baobab y respondes con "Hakuna Matata" ("No hay problema" ) y después de cuatro días todavìa te encuentro allì, con la misma sonrisa en que te dejé, en busca de la solución que todavìa no ha llegado ... Y esta es la canción que enseñas
a los estranjeros : "Jambo, Jambo Bwana, Habári Ghani, Mzuri Sana.... Hakuna Matata", de manera que cuando el "Muzungu" llegue, se apresurará en aprenderla lo más rapido posible, porque es sólo asì que podrà sentirse parte de ustedes ... como si una foto con la jirafa y una canción en swahili sea suficiente por sentirse parte de tu mundo... y todos vivieron felices para siempre .... Como me gustarìa cantarla junto a ustedes, pero no "vosotros los Áfricanos" y "yo muzungu", sino "Nosotros los Africanos ..."!
Mi pequeño masai, disculpame pero realmente "muzungu" yo no me siento, regresarè un dìa tratando de explicartelo ... cariciandote tu pelo encaracolado, seco y quemado por el sol ... claro! Con el cálor que hace ... Estoy segura de que lo entenderas!


Francesca - Muzungumalaika